Carnevale di Manfredonia

Il Carnevale di Manfredonia (noto anche come carnevale sipontino o carnevale daunio[ ) è riconosciuto dalla regione Puglia come “manifestazione di interesse regionale” e Manfredonia è associata alla “Federazione europea delle città del carnevale”. Per due volte è stato inserito tra le manifestazioni abbinate alla Lotteria Nazionale.

Nel 2016, il Carnevale di Manfredonia ha ottenuto dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT) il riconoscimento di “Carnevale Storico”. Nello stesso anno, è stato tra i fondatori dell’Associazione “Carnevalia”, con sede a Viareggio, che riunisce i maggiori carnevali storici italiani.

Molto probabilmente come ogni carnevale d’Italia, affonda le radici in epoca romana, con riferimento ai Saturnali. La prima manifestazione moderna e istituzionalizzata si ebbe nel 1952.

Dal 1997 è stata organizzata dall’organo comunale “Istituzione del Carnevale dauno”, sostituito nel 2014 dall’Agenzia del turismo, organo di promozione territoriale del comune.

Dal 1998 la “Sfilata delle meraviglie” – che vede la partecipazione degli alunni di Scuole dell’Infanzia, Scuole Primarie, Scuole Secondarie Inferiori – ha ottenuto il patrocinio dell’UNICEF. Dal 2012 al 2016, si sono unificate in un unico evento la “Sfilata delle meraviglie” e la Sfilata dei carri allegorici e dei gruppi mascherati. Nel 2016 le sfilate hanno assunto la denominazione di “Gran Parate” e, nel 2017, è tornata come manifestazione ad hoc la “Gran Parata delle Meraviglie”

Dal 2014 il Carnevale è organizzato interamente dall’Agenzia del Turismo.

L’apertura ufficiale dei festeggiamenti si ha ogni anno il 17 gennaio, giorno di Sant’ Antonio abate (da questo deriva il detto “Sant’Andunje, masckere e sune!“(“Sant’Antonio, maschere e suoni“). In questa giornata vengono svelati il nome dell’edizione, il programma ufficiale, gli ospiti.

I festeggiamenti iniziano con l'”Arrivo di Zè’ Pèppe Carnevale”

Diverse le sfilate in programma: la “Gran Parata delle Meraviglie” (in genere effettuata la domenica precedente al Carnevale); la “Gran Parata dei Carri Allegorici e dei Gruppi mascherati” (in genere effettuata la domenica di Carnevale e il martedì grasso); la “Gran Parata della Golden Night” (sfilata notturna in genere effettuata il sabato della “Pentolaccia”).

Nel corso della manifestazione si mangiano alcuni piatti tipici piatti carnevaleschi: la “farrata” (in dialetto “farrét'”), un rustico a base di farro e ricotta, e gli “scagliozzi” (in dialetto “scagghjuzz'”), fettine triangolari di polenta fritta.

Negli ultimi anni, alle tradizionali manifestazioni carnascialesche è stato affiancato un processo di valorizzazione del patrimonio culturale, con un ricco programma di “Open days” e visite guidate ai maggiori attrattori della città di Manfredonia.

La maschera tipica è “Ze Pèppe”: rappresenta un allegro contadino che arriva in città per divertirsi,durante il carnevale, ma esagerando nei festeggiamenti e morto di polmonite, viene cremato durante i festeggiamenti del martedì grasso.

Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Carnevale_di_Manfredonia

Please follow and like us:
Aggiungi ai preferiti : Permalink.