• Ultime inserzioni

Illudere l’amante di essere single o divorziati è reato.

Una recente sentenza della Cassazione è destinata a far molto discutere, ed anche a far sudare freddo centinaia di “Don Giovanni”. Infatti far credere all’amante di essere single o divorziati, quando ciò non è vero, è un reato punibile penalmente.

Nel dettaglio verrebbe contestato il reato di “sostituzione della persona”.

Il tutto sembra essere partito da un fatto che sembrerebbe ricalcare la trama di un film comico anni ’70: Un uomo intavola una relazione con una donna, convincendola di essere già divorziato e addirittura di essere in attesa dell’annullamento del precedente matrimonio.

La storia tra i due assume connotati importanti, nasce un figlio e si pensa ad un matrimonio, peccato però che dalla Sacra Rota non arrivi nessun certificato di annullamento del precedente vincolo coniugale.

I sospetti prendono piede nella coppia e nella famiglia di lei, che chiede rapide certezze all’uomo.

Questo, vistosi alle strette, produce un falso certificato di divorzio, ovviamente fatto in maniera grottesca e che non inganna nessuno, neppure la partner, che a quel punto ha finalmente un quadro chiaro della reale situazione dell’uomo.

Lei inizia quindi ad indagare, a cercare prove che possano incastrare il “bugiardo”, scoprendo che l’uomo continua a vivere tranquillamente con la moglie, dalla quale, tra l’altro, aspetta anche un figlio.

Ovviamente L’uomo viene portato in tribunale ed ha inizio l’iter che, in fine, porterà ad una sorprendente ma giusta sentenza: l’uomo è colpevole.

Episodi simili, purtroppo, non sono rari come ci si aspetterebbe, ragion per cui è sempre consigliato, qualora vi fossero concreti sospetti, di indagare sul partner in maniera seria, possibilmente rivolgendosi ad un investigatore privato.

In Puglia, ad esempio, la IURIS INVESTIGAZIONI, con sede a Trani, offre servizi specifici che potrebbero evitare dispiaceri e tribunali.

 

Please follow and like us:
Aggiungi ai preferiti : Permalink.