• Ultime inserzioni

    Ultimi 10 inserzioni nel sito

Culti ed aspetti settari in Puglia – Studio degli aspetti criminologici sul territorio

Il fenomeno religioso, sin dalle origini dell’uomo, ha avuto una rilevanza primaria dato il nesso esistente tra i valori scaturenti dai fattori educativi che plasmano l’individuo e la determinazione della condotta umana.

Il termine “religio”, secondo lo stesso Cicerone, deriva da “rilegare” o “ripercorrere”, così come si rinviene in un passo dell’opera “De Natura Deorum”: «qui autem omnia quae ad cultum deorum pertinerent diligenter retractarent et tamquam relegerent, sunt dicti religiosi ex relegendo, ut elegantes ex eligendo, diligendo diligentes, ex intelligendo intelligentes»

[invece coloro che riconsideravano con cura e, per così dire, ripercorrevano tutto ciò che riguarda il culto degli dei furono detti religiosi da relegere, come elegante deriva da eligere (scegliere), diligente da diligere (prendersi cura di), intelligente da intelligere (comprendere)].

Il culto è dunque nato con l’uomo il quale, da sempre, ha considerato le forze della natura come strettamente correlate al volere di esseri superiori nei confronti dei quali si trovavano in una posizione di soggezione;

per placare l’ira o assecondare il volere degli dei si compivano messe, rituali e sacrifici che, spesso, avevano ad oggetto il sangue umano o animale il quale è, da sempre, rivestito di una valenza simbolica particolare.

Scorrendo tra le storie delle culture più antiche – dalle civiltà precolombiane ai popoli che si insediarono nelle aree geografiche che spaziavano dall’Atlantico ai Carpazi, giungendo sino alle grandi pianure del Nord e alle coste mediterranee – il rituale sacrificale è un connotato costante;

fonte storica indiscutibile sono i “Commentari de bello Gallico” di G.I. Cesare e gli “Appunti di Viaggio” del geografo Posidonio, il quale- nel 56 a.C , quando condusse le legioni romane verso il Canale della Manica – testimoniò l’usanza celtica del sacrifizio.

Ai tempi coevi, tuttavia, con la rinascita delle religioni che il CE.S.NU.R. definisce “nuove”, il culto e l’uso di rituali è oggetto di studio degli esperti ricercatori e dei cultori della materia.

Tra il 1999 ed il 2001, gli studi condotti in nord America dalla “American Religious Identification Suvery”, hanno rivelato che il numero dei praticanti di questo Credo era pari a 307.000 ca. e, secondo le indagini statistiche compiute dalla DEA, il numero degli aderenti alle religioni neopagane è soggetto ad un significativo aumento.

Wicca, Dodecateismo, Religione Etnica Ellenica, Neopaganesimo e Satanismo sono, attualmente oggetto di studio dei centri di ricerca.

L’utilizzo del termine “setta” attribuito a queste religioni è sempre più frequente, seppure talvolta risulta essere carico di un’ accezione negativa: il termine, deriva dal latino “secta” e “sequi” (seguire una direzione, un’ideologia o un maestro illuminato) e dal verbo “secare”, nel suo significato di “tagliare” o “disconnettere” e si intende come il distacco dalla Chiesa madre.

I movimenti religiosi a cui si fa riferimento con il termine “setta” sono di varia natura e si possono distinguere in religiosi e non-religiosi ma tutti, al loro interno, presentano una struttura gerarchicamente organizzata.

La maggior parte delle sette monopolizzano la psiche umana, e talvolta l’attività da queste perseguite presenta lo scopo di lucro e quello di effettuare un controllo sul comportamento dell’ adepto (Behavoiur Control), sulle informazione a sua disposizione (Information Control), sul pensiero (Thought Control) e sulle emozioni (Emotions Control).

Focalizzando lo studio nell’area della Penisola, uno dei fenomeni più diffusi e presenti sul territorio è, senz’altro, il Satanismo.

Tra i gruppi operanti in Puglia si annoverano gli Eletti di Satana – presenti a Gravina di Puglia dal 1989 e guidati da W.L.M. –  e l’Universale Fratellanza della Luce Nera – presenti a Bari, guidata da M.C. e conta una decina di affiliati; a questi si aggiungono gruppi numericamente “minori”.

Il Satanismo non si colloca sotto un’unica corrente e, la sua distinzione risulta essenziale per comprenderne il modus operandi dal punto di vista psicologico-comportamentale, criminologico ed investigativo.

Quello che suscita maggior timore e che, nella maggior parte dei casi, lede l’incolumità e l’integrità psico-fisica degli aderenti è il c.d. “Satanismo Acido” il quale potrebbe collocarsi anche nel fenomeno sociologico di devianza, connessa all’agire della sottocultura giovanile.

L’esempio di Satanismo Acido più famoso dai connotati criminosi che ha interessato l’intera Italia, è quello che ha riguardato, nel Varese, le c.d. “Bestie di Satana”, ritenuti dal G.U.P. di Busto Arsizio come “un’aggregazione di personalità deboli, immature, ineducate, sostanzialmente svantaggiate che hanno costruito un maldestro edificio nel quale albergare la loro assoluta povertà morale”

I rituali “fai da te”, tipici dei movimenti acidi, sono stati al centro della cronaca nera italiana e mondiale; non risparmiando neppure la Puglia: nell’ottobre dello scorso anno la Corte di Cassazione si è pronunciata su una questione avvenuta tre anni prima e che è culminata con l’emissione di una condanna alla pena detentiva per i due educatori, protagonisti della macabra vicenda.

A Taviano, città salentina in provincia di Lecce, nel 2015 si sono registrati maltrattamenti a danno di alcuni minorenni, ospiti della struttura “Oberon”.

Il centro, il cui nome richiama – nella mitologia medievale – quello del re delle fate, era tutt’altro che un posto idilliaco e “sicuro” come ci si aspetta che sia una casa-famiglia, nido di ragazzi che hanno bisogno di essere seguiti nel processo di formazione e socializzazione.

“Punizioni fisiche severissime, l’obbligo di visionare film horror nonché la partecipazione obbligatoria a certi rituali e messe nere in onore di Satana che si svolgevano in una chiesa sconsacrata”: queste son state le testimonianze, accuratamente dettagliate, rilasciate da una minore “ricoverata” presso la struttura ed interrogata durante il processo penale.

Un’ospite della casa-famiglia ha raccontato ai magistrati incaricati di far luce sulla questione, macabri dettagli riguardanti il modus operandi di questa “setta” e delle ferite rituali inflitte sul suo corpo delle vittime e delle quali la testimone portava, al tempo del processo, segni visibili.

Gli stessi inquirenti, durante le ispezioni, hanno trovato del materiale corrispondente a quello descritto dai testimoni ascoltati durante le udienze: mantelli con cappuccio, tre crocifissi in legno e pezzi di vetro, utili per infliggere le ferite durante la celebrazione rituale.

Questo caso porta alla luce una certezza investigativa valida: spesso, l’utilizzo errato della simbologia esoterica o satanica, la mancata conoscenza di questa, l’improvvisazione rituale, lo scopo ed il modus operandi si rivelano preziosi connotati per la comprensione del fenomeno e della sua eziologia.

Antonia Depalma  (esperta in Criminologia Clinica e con riferimento al satanismo)

Puglia Folk, Tra Miti e Leggende – Mario Contino

Puglia Folk (Tra Miti e Leggende), questo il titolo dell’ultimo libro dello scrittore pugliese Mario Contino, pubblicato da: ”I Quaderni del Bardo Edizioni” di Stefano Donno. Dal libro, precisamente dalla premessa che l’autore fa prima di addentrarsi nei vari capitoli del saggio, apprendiamo: 

“Il folklore lascia una traccia di vita vissuta, una registrazione che solo le menti più aperte possono riprodurre. Quando ciò accade, l’uomo si ritrova catapultato “indietro nel futuro” (citando una battuta del noto film Ritorno al futuro), si ritrova, cioè, in epoche che solo apparentemente rappresentano il passato, in quanto raggiungendole successivamente alla loro comprensione, decodificazione simbolica, esse rappresentano effettivamente un futuro, o meglio una possibilità di crescita in un futuro migliore.
“Cosa ci insegna quindi il folklore? A quanti riescono a percepire il suo mistero, al di là del suo fascino, esso insegna a vivere su questo pianeta accettando la condizione umana, spiegando come questa possa raggiungere livelli elevati o precipitare nel baratro più oscuro. Il folklore lascia una traccia di vita vissuta, una registrazione che solo le menti più aperte possono riprodurre. Quando ciò accade, l’uomo si ritrova catapultato “indietro nel futuro” (citando una battuta del noto film Ritorno al futuro), si ritrova, cioè, in epoche che solo apparentemente rappresentano il passato, in quanto raggiungendole successivamente alla loro comprensione, decodificazione simbolica, esse rappresentano effettivamente un futuro, o meglio una possibilità di crescita in un futuro migliore. Puglia Folklore è un libro che raccoglie questi codici, li ripropone in un insieme di articoli utili a indicare a voi lettori la porta giusta da aprire, quella della comprensione di noi stessi. Aprire quella porta spetta solo a voi, buon viaggio.” (Mario Contino)

 Non solo folletti, streghe, fantasmi che sin dalla notte dai tempi hanno affascinato e terrorizzato grandi e piccini, ma anche architettura

Mario Contino

sacra, folklore religioso e tanto altro ancora in un libro che può essere definito un piccolo scrigno, custode di un immenso tesoro: la nostra antica e straordinaria cultura popolare.
Del resto Mario Contino non è nuovo alle cronache per i suoi studi sul folklore e sulla fenomenologia che in molti definiscono “paranormale, interesse che lo ha condotto a discutere degli specifici argomenti in numerosi articoli su riviste e quotidiani nazionali, spesso anche in note trasmissioni televisive.

Puglia Folk (Tra miti e leggende) è un saggio di semplice lettura, accessibile a chiunque e scritto in modo da poter soddisfare un ampio target, dal fanciullo curioso al ricercatore di settore.

Il pianto del bambino fantasma di Leuca

Il pianto del bambino fantasma di Leuca

di MARIO CONTINO – Sono molte le leggende legate al mare, anzi ai mari pugliesi, spesso derivanti da storie vere di cronaca, altre volte originate nella notte dei tempi e tramandate verbalmente nell’intenso folklore regionale. Quella che oggi riporterò a galla appartiene senza dubbio alla seconda delle categorie sopra riportate ed ha per protagonista un fantasma, un bambino che piangerebbe disperato in cerca di risposte che probabilmente non potrà mai ricevere.

Nel basso Salento, precisamente nel Capo di Leuca, sono molte le scogliere a picco sul mare, queste rendono la zona più collinare che pianeggiante. Durante le burrasche dovute al forte vento che spesso spazza la nostra regione, il mare schiaffeggia gli scogli e l’atmosfera diventa surreale, magnificamente spettrale, in grado di suscitare sentimenti contrastanti e misti tra la meraviglia ed il terrore. Si narra che, in un non ben specificato punto nel territorio di Leuca, una giovane donna si innamorò di un Saraceno, giunto nel Salento durante uno dei frequenti assalti che insanguinavano la nostra penisola. La donna, che divenne presto motivo di vergogna per la sua comunità, partorì il bambino che aveva in grembo e lo lanciò in mare per lavare quel “peccato”, forse per amore stesso, per impedire che quel piccolo vivesse in un mondo non suo, che lo avrebbe odiato e non accettato, che lo avrebbe condannato senza possibilità di replica.

Da quel momento però, durante le notti tempestose, molti affermano di aver sentito le urla, i pianti strazianti di un neonato, ancora in cerca di un perché.

Il Fantasma del Cimitero di Brindisi

Il fantasma del cimitero di Brindisi

di MARIO CONTINO – I cimiteri sono spesso stati associati al mondo del paranormale, a luoghi spettrali nei quali le anime farebbero capolino per terrorizzare i vivi. Ovviamente questa visione non ha alcuna logica neppure da un punto di vista religioso, ciò in quanto, in base a religione cristiana, l’anima umana disincarnata dopo la morte del corpo non resterebbe in questo mondo ma migrerebbe verso Dio o comunque nell’aldilà.

Qui sarebbe sottoposta al primo giudizio e destinata già nell’Inferno, nel Purgatorio o nel Paradiso, in attesa del secondo ed ultimo giudizio, quello universale in cui Dio, appunto, giudicherebbe sia i vivi che i morti.

Bisogna però considerare l’enorme mole di leggende che saturano il folklore locale, soprattutto quello pugliese, di presunti spettri avvistati proprio nei cimiteri o nei pressi di questi. Oggi vi racconterò della leggenda che ha per protagonista il fantasma di una graziosa fanciulla che apparirebbe presso il cimitero di Brindisi.

L’origine della leggenda sarebbe da ricercare in una tragedia che nel 2001 scosse le vite dell’intera comunità brindisina, per un fatale incidente dovuto a distrazione per cui persero la vita due giovani donne, madre e figlia rispettivamente di 50 e 20 anni. Le due si trovavano nei pressi della banchina di Costa Morena in un’auto, la madre si esercitava per poter riprendere padronanza della guida dopo anni di astinenza dalla stessa, la ragazza invece le dava lezioni.

A causa di una manovra errata, l’auto finì nelle acque del porto e le due donne morirono annegate. Due anni dopo il tragico evento, uno strano episodio avrebbe dato il via alla leggenda ormai citata su diverse riviste on-line e testate giornalistiche. La leggenda, o fatto vero che sia, narra che in una serata invernale, una coppia di brindisini si sarebbe trovata a Costa Morena e avrebbe notato la presenza di una bella ragazza dai capelli lisci e lunghi.

La coppia si sarebbe avvicinata alla ragazza senza minimamente sospettare su ciò che da li a poco avrebbe vissuto. Questa avrebbe chiesto loro di accompagnarla in città in quanto, a seguito di un litigio, il suo ragazzo l’avrebbe abbandonata in quel posto. Avrebbe chiesto di essere lasciata vicino al cimitero, cosa che non destò grande stupore nei testimoni.

Arrivati a destinazione, però, la ragazza sarebbe scesa dall’auto dirigendosi senza esitazione verso il piazzale antistante il “luogo dell’eterno riposo”, o almeno così dovrebbe essere. La coppia al volante si soffermò qualche minuto per sincerarsi sulla sicurezza della ragazza, in quanto le abitazioni distano un po’ dal luogo in cui si era fatta lasciare.

Proprio per questo motivo, seguendo con gli occhi il tragitto della giovane, avrebbero visto che questa si sarebbe diretta verso l’ingresso del cimitero, entrando nel “campo santo” dopo aver attraversato il cancello perfettamente chiuso. La tragedia dell’incidente era successa da poco tempo, quindi i due avrebbero immediatamente collegato i due eventi, provando un forte e naturale senso di paura ed angoscia misti a naturale incredulità.

Che fosse realmente lo spirito della povera ragazza defunta qualche anno prima? Di questo non possiamo esserne certi, di sicuro c’è il fatto che da allora questa leggenda è entrata nelle storie, e negli incubi, di molti pugliesi. Sta di fatto che l’incidente alla base di questa leggenda è relativamente giovane, che due donne hanno tragicamente persero la vita e che il dolore è certamente ancora vivo nella comunità.

Ergo, da ricercatore, da studioso del folklore, vorrei invitare a riflettere, perchè se è giusto divulgare una leggenda e studiarne eventualmente l’origine al fine di comprendere quanto possa esserci di vero, è altrettanto giusto concedere pace a coloro che soffrono e rispettare l’altrui dolore, facendo un passo indietro e, se nel caso, restando al proprio posto.

Mi piacerebbe proprio incontrare questi presunti testimoni citati nella leggenda per capire quanto possa esserci di vero in tutta questa storia, sperando che non siano proprio loro i fantasmi della vicenda.

Il fantasma autostoppista di Nardò, Lecce

Il fantasma autostoppista di Nardò, Lecce

 di Mario Contino – Le più belle leggende sui “fantasmi”, usiamo pure questo termine improprio ma attinente se si resta in ambito folkloristico, non sono quelle sulle infestazioni di questo o quel castello ma, a mio parere, quelle sui presunti spettri autostoppisti. Si tratta di leggende che citano fantasmi intenti a fare proprio l’autostop, chissà poi per quale motivo. Se il discorso fosse circoscritto al solo territorio italiano, allora potrei azzardare che il prezzo della benzina li spinga a chiedere un passaggio per risparmiare. Sarcasmo a parte, queste leggende sono presenti in tutto il mondo ed alcune testimonianze sono veramente degne di nota, presenti nei libri più autorevoli legati al folklore ed alla tradizione, spesso studiate da ricercatori di fama internazionale.

Anche il Salento ha diverse leggende legate all’argomento; abbiamo già citato lo spettro autostoppista di Brindisi, oggi ci spostiamo nel Sud Salento, precisamente a Nardò. Non si conosce molto sull’identità dei soggetti interessati, ma la leggenda metropolitana, ormai conosciuta anche all’estero, cita più o meno quanto segue, con alcune varianti tra racconto e racconto.

In una calda ma piovosa serata d’estate, nel Salento sono frequenti i temporali estivi con relativi acquazzoni. Un ragazzo si dirigeva in auto verso il suo paese: Nardò. Vedendo una ragazza in attesa sul ciglio della strada, sotto la pioggia, decise di accostare e chiedere se avesse bisogno di un passaggio. La ragazza accettò volentieri e si accomodò in auto, per giunta aveva come destinazione lo stesso paese dell’autista, quindi non vi furono problemi per il ragazzo nell’aiutarla.

Di poche parole, non fu facile per i due instaurare un dialogo, che si limitò in saluti e risposte semplici relative alle informazioni sul luogo di destinazione della ragazza. Giunti a Nardò, la fanciulla chiese di essere lasciata nei pressi del cimitero, disse di abitare poco distante e questa risposta non destò alcuno stupore poiché effettivamente non era per niente improbabile.

Scese dall’auto e salutò l’uomo, ringraziandolo in maniera molto educata, chiuse lo sportello e l’uomo si accorse che la passeggera aveva dimenticato sul sedile la sua agenda. Scese dall’auto per chiamarla ma si rese conto che la donna era letteralmente sparita, pur essendo uscita solo da qualche secondo.

Il ragazzo raccolse l’agenda e notò che vi era un indirizzo, quindi decise di recarsi sul posto all’indomani per restituire l’oggetto. Giunse nei pressi di una modesta abitazione, suonò al campanello ed aprì una signora anziana che, appena ascoltò la storia e vide l’agenda, scoppiò in lacrime e chiese al ragazzo di accomodarsi.

È questa la ragazza? Chiese la donna mostrando una foto tra un singhiozzo e l’altro. Si, rispose l’uomo che a questo punto iniziava ad avvertire una certa tensione. Gli è successo qualcosa? L’ho accompagnata ieri sera in paese, aggiunse. La donna allora disse: “Si, è mia figlia ma non è possibile che tu l’abbia accompagnata, non è possibile, mia figlia è morta 10 anni fa in un incidente d’auto, quell’agenda è stata seppellita con lei”. A questo punto, il ragazzo, in preda a terrore e confusione, lasciò l’abitazione e non si fece più vedere.

In linea di massima questa è la leggenda relativa al fantasma autostoppista di Nardò, una trama affascinante degna dei migliori romanzi, ciò che conta però è, ancora una volta, la grande diffusione che questa ha avuto in tutta Italia. Probabilmente, sempre più persone riconoscono nelle leggende e nel folklore qualcosa di proprio, di fisicamente importante, una parte di se stessi che ingiustamente è stata messa da parte dal mondo dell’informazione e dell’istruzione.

Il fantasma del monacello nel centro storico di Foggia

Il fantasma del monacello nel centro storico di Foggia

di Mario Contino – Quando mi è stato riferito che a Foggia si vocifera di un fantasma a spasso per il centro storico, e che questo viene chiamato “manacello”, ho immediatamente associato questa figura al noto folletto campano, citato soprattutto nelle leggende napoletane e salernitane. Anche a Napoli “O Manaciell'” sarebbe uno spirito di bassa statura vestito in abiti monacali, solo che a differenza del quasi omonimo foggiano lui sarebbe un folletto.
Nel centro storico di Foggia, esattamente presso Vico D’Angiò, stretta via che prende il nome dall’antica famiglia che in loco abitava, sono in molti ad essere a conoscenza della leggenda del monaco fantasma, e tra questi, una buona parte sostiene che ci sia un fondo di verità, strani avvistamenti che poco avrebbero di razionale.
La via in questione Parte da Vico Pietà e costeggia le mura della “chiesa dei Morti”, termina poi in un tratto senza uscita conosciuto come vico San Leonardo.
Il leggendario monaco apparirebbe dall’aspetto tozzo, con saio e corda ben visibile sulla pronunciata pancia, di bassa statura ma non tanto piccolo da aver potuto creare l’idea del folletto, ciò a differenza dello spirito campano sopracitato. Secondo la leggenda il frate fantasma viveva a Foggia e fu tentato dalla bellezza delle ragazze che più volte si era fermato ad osservare dalle finestre del monastero. Tentò quindi di fuggire dal palazzo per dar sfogo alle sue tentazioni, forse non pienamente convinto della sua vocazione religiosa. Scelse però una via di fuga rischiosa, si intrufolò nello sfiatatoio del camino senza tener conto della sua taglia. Il mattino seguente i frati lo ritrovarono morto, soffocato all’interno dello sfiatatoio stesso.
Un religioso che tradisce la sua fede è considerato un traditore che tradisce Dio, macchiato dunque dello stesso peccato di Lucifero. Quanto detto, unito alla violenta morte dell’uomo e ad un contesto culturale abbastanza chiuso, hanno certamente contribuito alla nascita del fantasma, ossia dell’anima del peccatore rifiutata dal Paradiso e costretta a vagare in un’eterna dannazione. Anche questa è una storia poco divulgata; mi è stata raccontata da diversi amici, alcuni l’avrebbero appresa come narrazione popolare, quindi in contesti colturali locali, altri invece su giornali o riviste.
Ciò che conta è che la leggenda esiste, è certamente tra le più affascinanti della Puglia e merita di essere divulgata.

Fantasmi al Casino del duca, san Basilio, Mottola

Fantasmi al Casino del duca, san Basilio, Mottola.

di Mario Contino – Tra le tante leggende che circolano in rete, certamente grande interesse suscitano quelle su presunti fantasmi e luoghi infestati. Si vocifera che il luogo più infestato della Puglia si trovi nel tarantino, precisamente noto come “Casino del duca”, presso San Basilio, Mottola. Potremmo definire il complesso una “Masseria fortificata”, costruito nel ‘600 ed ampliato nei due secoli successivi dai nobili duchi Caracciolo di Martina Franca e dai loro discendenti.  L’edificio giace in stato di semi abbandono nel senso che, pur essendo proprietà privata, come ogni luogo simile, la mancanza di porte, cancelli, recinzioni varie, ne fa meta di centinaia di persone ogni anno. Meta turistica impropria, quindi, sia per coloro che vogliono trascorrere un pomeriggio estivo in campagna che per quanti giungono affascinati dalle tante storie su fantasmi ed apparizioni varie che fanno da contorno ad un edificio che ben si presterebbe per la sceneggiatura di un film.  Un importante intervento di ristrutturazione della masseria inizialmente presente si deve, fra il 1827 ed il 1849, all’ultima esponente del casato ducale dei “Caracciolo”, Maria Argentina, che fece anche edificare una nuova chiesa sulla antica cripta ipogea. Sposa di Riccardo III Duca De Sangro, alla sua morte i vastissimi possedimenti passarono al casato del marito, di origine abruzzese, del quale nel ‘700 fece parte anche il famoso Principe di San Severo. Si narra che il Duca Raimondo De Sangro, che avrebbe ereditato e vissuto nel casino, fosse un mago e occultista dedito ad sperimenti alchemici su esseri viventi tra i quali la cristallizzazione del sistema circolatorio umano. Non si comprende quanto possa esserci di vero in queste storie ma di sicuro la vita del posto fu sempre molto travagliata. Oggi i testimoni riferiscono di aver ascoltato urla disumane, parole incomprensibili provenire da stanze vuote, di aver visto ombre muoversi rapide, di aver fotografato volti pallidi dagli occhi vuoti. Le testimonianze, numerosissime, divulgatesi rapidamente grazie ad internet e a vari portali web che hanno riportato le leggende, hanno decretato quel luogo come uno dei posti più infestati della nostra regione.  Personalmente ho letto molte testimonianze su diversi portali, non posso certo azzardarmi a dar credito alle stesse, né però mi sento di smentirle tutte senza aver almeno effettuato un sopralluogo sul campo. Se mai i proprietari volessero delle risposte, io sarei pronto a studiare questo luogo e le sue leggende, nel modo più serio possibile, allontanando dalla ricerca sia il fanatismo che il pregiudizio.

La sposa fantasma di Trani

La sposa fantasma di Trani

di Mario Contino – Sembra tratta da un film anni ’70 la storia del presunto fantasma che infesterebbe Palazzo Broquier a Trani. Nessun rumore inquietante, nessun lamento né urla strazianti, nessun oggetto svolazzante o chiusura ed apertura di porte o finestre, nulla di tutto ciò. Lo spettro di Palazzo Broquier sarebbe colto, almeno così lascerebbe intendere la leggenda, una dama bianca che amerebbe sfogliare le pagine di un vecchio libro.

La leggenda ebbe inizio quando vennero fatti i lavori di ristrutturazione del Palazzo: venne rimosso con forza un antico tappeto che, si dice, era stato inchiodato al pavimento. Al di sotto dello stesso venne scoperto un abito da sposa che al contatto con l’aria si polverizzò.

Da quel giorno sembrerebbe che lo spettro di una donna si aggiri in abito da sposa per le stanze dell’antico edificio nobiliare e si soffermi a leggere le vecchie pagine di un antico libro poggiato su un vecchio leggio.

Lo studioso del paranormale Mario Contino
Alcuni testimoni, come sempre non confermati, avrebbero affermato che questo libro verrebbe ritrovato aperto sempre ad una pagina precisa, come se venisse sfogliato anche se nessuno ha accesso agli ambienti.

Altri invece affermano di aver visto la “sposa fantasma” muoversi tranquillamente, come in cerca di un contatto che da troppo tempo gli è negato. Anche in questo caso non è stato possibile risalire all’origine esatta della leggenda, ossia ai testimoni citati in numerosi articoli ma mai confermati.

A Trani, però, questa storia è molto conosciuta e da alcuni anni a questa parte è entrata a pieno titolo tra le più belle leggende metropolitane pugliesi. Mi piacerebbe indagare in questo palazzo, per poter confermare o smentire questa leggenda. Certamente ci sarebbe dell’ottimo materiale per la sceneggiatura di un film.

Fantasma del prete senza testa – Lecce

Fantasma del prete senza testa – Lecce

di Mario Contino – Fantasmi senza testa, protagonisti di famose leggende (vedesi il fantasma del cavaliere senza testa, in Otranto), di romanzi e film famosi (chi non ricorda il famoso spettro di “Nick quasi senza testa” nella saga di Harry Potter?).
Bene, anche Lecce avrebbe il suo Fantasma decapitato. Ormai noto alle cronache nazionali è lo spettro del bambino che dimorerebbe nel Castello di Carlo V. Famoso, se è lecito usare questo aggettivo, è anche il fantasma del cavaliere (o monaco secondo alcuni) che sarebbe più volte apparso nel Museo archeologico “Faggiano”.

Meno noto, e proprio per questo più interessante dal mio personale punto di vista, sarebbe lo spirito di un prete che apparirebbe senza testa al primo piano della casa che si trova in via Galateo, nei pressi di Porta Rudiae, non si conosce bene il numero civico.

Poche informazioni su Internet, ancora meno su vecchi testi inerenti il folklore leccese, però alcuni anziani ricordano ancora che, quando erano bambini, i loro genitori li mettevano in guardia dal frequentare quella via nelle ore notturne, proprio per evitare “Lu prete senza capu” (il prete decapitato).

Sarebbe veramente molto interessante riuscire a reperire maggiori informazioni in merito, contribuirebbe alla salvaguardia di un folklore che, sempre più velocemente, si avvia verso l’estinzione.

 

I misteri di Castel del Monte – Andria

di Mario Contino – Ho sempre sentito parlare del famoso Castel del Monte, sito nel territorio di Andria, nell’affascinante e misteriosa Puglia. Qualche giorno fa, approfittando delle festività pasquali, mi sono recato presso il sito sopracitato, da curioso turista, senza pregiudizi e con tanta voglia di capire il perché delle mille voci che interessano quella che è definita come la dimora in cui Federico II soggiornava durante le lunghe battute di caccia.

Messomi in viaggio, con piacevole compagnia a seguito, ho subito notato che la vegetazione andava via via facendosi più folta e rigogliosa man mano che il navigatore satellitare ci indicava il raggiungimento prossimo della meta. Casualità? Non credo molto nel caso, ma ho preferito archiviare questo particolare per non influenzare un mio eventuale successivo giudizio.

Dopo circa 20 minuti di viaggio, eccolo lì, maestoso, solo, quasi in contemplazione sul paesaggio verdeggiante di cui sembra eterno custode: Castel del Monte. Un ottagono stupendo e suggestivo, posizionato su un altura, privo di fossati o altre strutture che possano far pensare allo stesso come fortezza o presidio militare. Dotato di 8 torri, anch’esse ottagonali, un gioiellino riconosciuto come Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO, nel 1996.

Come già accennato, è convinzione comune che questo castello fosse la dimora in cui Federico II dimorasse durante le battute di caccia, sta di fatto che la sua struttura, negli anni, ha convinto molti studiosi che ben altre funzioni avrebbe dovuto rivestire la struttura, funzioni che forse continua a svolgere tutt’ora. Partiamo con l’accennare qualcosa sull’ottagono, figura geometrica alla base dell’architettura di Castel del Monte.

L’ottagono risente dei significati esoterici simbolici collegati al numero 8, che rappresenta il doppio quaternario e, nell’insieme, l’equilibrio delle energie cosmiche. È anche una figura associata all’acqua ed agli antichi riti di fertilità riconducibili alla Grande madre, tradizionalmente legata al pianeta Venere; quest’ultimo compie il suo ciclo di fasi in 8 nostri anni. Considerandolo come rappresentazione geometrica del numero 8, assume il significato di infinito, lo stesso rappresentato dal segno 8 disposto in maniera orizzontale.

Prendendo in esame solo quanto detto poc’anzi, possiamo notare alcune importanti chiavi di lettura:
• Infinito;
• Fertilità;
• Equilibrio di energie cosmiche.

Siamo sempre convinti che questo fantastico esempio di architettura umana sia solo la dimora del sovrano durante il periodo delle battute di caccia? Secondo alcune ipotesi, Federico II aveva ottime conoscenze esoteriche, consapevolezze che lo spinsero a volere l’edificio ottagonale, forse ampliando un tempio preesistente, anch’esso su base ottagonale. In relazione a quanto su detto, si ipotizza che l’intero edificio fungeva come base per particolari pratiche alchemiche, forse per raccogliere, in determinati momenti dell’anno, dell’acqua molto particolare e pura, carica di energie ancestrali.  È infatti noto che l’acqua, allo stato aeriforme, si innalza verso il cielo per caricarsi delle energie dell’Etere, energie cosmiche. Successivamente ricade sulla terra per arricchire il suolo di tali energie.

Altre ipotesi, vogliono il castello quale osservatorio astronomico, o ancora come tempio in cui celebrare particolari riti esoterico-iniziatici. Bisogna ricordare che da tempi immemori l’uomo si è avvalso delle sue capacità extrasensoriali o le sue conoscenze esoteriche, per individuare zone del pianeta che avessero delle speciali caratteristiche energetiche. Questa ricerca diventava scrupolosa quando l’intento era quello di costruire un tempio, un luogo sacro nel quale avere un contatto ravvicinato e forte con la divinità. La rabdomanzia, ad esempio, era un arte che permetteva all’iniziato di individuare corsi d’acqua sotterranei e stabilire i livelli energetici posseduti dagli stessi. Questi fiumi antichi e nascosti, incanalavano le energie e permettevano alle stesse di estendersi in ogni parte del pianeta, ovviamente le zone che sorgevano al di sopra degli stessi, risentivano di più dell’azione energetica.

Occorre dare anche qualche accenno sulle “linee sincroniche”, grandi flussi di energia in grado di catalizzare le forze presenti nel cosmo, possono scorrere al di sopra o al di sotto della superficie terrestre e, secondo alcuni, influenzano anche il nostro DNA, in maniera ad oggi sconosciuta e non provata. In questi particolari luoghi sorgono, sin dagli arbori della storia, importanti monumenti ed edifici sacri, quest’ultimi avrebbero lo scopo di amplificare il livello energetico prodotto durante determinati rituali e, forse, entrare in relazione con altri luoghi costruiti sulle stesse basi strutturali ed architettoniche, sfruttando le energie naturali del suolo. Proprio grazia a queste energie, ben incanalate per via di particolari strutture architettoniche, sarebbe possibile una sorta di collegamento tra cielo e terra, tra terreno e Divino. Abbiamo dunque intuito che l’acqua svolge un ruolo particolare: essa e’ conduttrice di energia e gli uomini, o per lo meno uomini istruiti in tal senso, hanno presto imparato a sfruttare tali forze. Cosa centra in tutto questo Castel del Monte? Secondo alcuni, questo castello sorgerebbe proprio in un punto di “massima energia”, su una famosa “linea sincronica” che collegherebbe anche la Piramide di Giza e Chartres.

Personalmente non so a quale ipotesi dare più importanza, so solo che all’interno dello stesso si è immersi in una pace surreale, una piacevole sensazione di serenità pervade il corpo ed i cattivi pensieri quotidiani sembrano non poter venire a galla.

Castel del monte merita veramente l’attributo di “Luogo misterioso”.